Interviste

L’orticoltura scolastica dell’Orto delle Meraviglie è già a 5

Il progetto didattico di orti scolastici l’Orto delle Meraviglie è attivato in cinque scuole: quattro di Pietrasanta (una dell’infanzia e tre primarie), una a Lucca (infanzia). L’ideatore Emilio Bertoncini spiega: usiamo l’orticoltura come strumento educativo ampio, non confinato all’agronomia e alle scienze naturali. «L’idea di “fare l’orto a scuola” si è evoluta in “usiamo l’orto per fare didattica&rdq
Visite: 6104

Che opere irrigue coi fondi statali? Primo, bacini in collina

Lo auspica Sandro Orlandini, presidente di Cia Pistoia, che fa il punto della situazione sulle risorse idriche per l’agricoltura nel territorio toscano e in particolare pistoiese, dove hanno un gran peso i distretti vivaistico-ornamentale e floricolo. L’estate 2012, osserva, ha dimostrato che la modernizzazione degli impianti di irrigazione c’è stata. La siccità di quest'estate ha portato al centro dell'attenzione la questione della buona gestione d
Visite: 4020

Partecipazione di FloraHolland al 63° Flormart

Intervista a Inger van IJzeren, team manager degli eventi di marketing del colosso dei fiori olandese. «Le cose sono andate bene, abbiamo visto molta gente», ha detto, precisando però «non abbiamo finalizzato accordi». Giudizio ottimo sull’organizzazione del salone di Padova. La manager si attende un leggero miglioramento dell’export di prodotti olandesi in Italia nei prossimi mesi. Fra le imprese che commerciano fiori presenti alla 63esima edizi
Visite: 4196

Su cosa punta il vivaismo pistoiese per mantenere il primato

Intervista a Vannino Vannucci, presidente del Distretto rurale vivaistico ornamentale di Pistoia, sulle “ricette” con cui il settore intende conservare la propria leadership sui mercati. Fra i punti indicati: rappresentante a Bruxelles, fare sistema tenendo conto delle specializzazioni produttive, ricerca e innovazione tecnologica, nuove strategie di marketing e promozione. “Il vivaismo a Pistoia nell’epoca della globalizzazione dei mercati”: è stato i
Visite: 6112

«Un “quinto conto energia” che porti il fotovoltaico dalla fase speculativa a quella del risparmio energetico senza penalizzare la filiera»

Lo auspica Roberto Battaglini, consulente nel settore dell’efficientamento energetico degli edifici, sentito da Floraviva mentre si attende l’emanazione del decreto con nuove tariffe ed incentivi sugli impianti fotovoltaici. Oggi i prezzi dei moduli sono più bassi e un impianto costa circa la metà di 5 anni fa, ma non ci sono grandi margini per ulteriori riduzioni. «Siamo a cavallo tra il quarto e il quinto conto energia, che dovrebbe cambiare sostanzialmen
Visite: 5812