Castellucci (Confagricoltura) sul vino: duri colpi dal Covid, rimodulare gli aiuti

Visite: 1240

Per Federico Castellucci, confermato presidente della Federazione vitivinicola di Confagricoltura, il contesto del comparto è ancora difficile: il Covid ha evidenziato la differenza fra grandi imprese multicanale e aziende che lavorano solo nell’HoReCa, ora rallentamento anche nella Gdo, mentre gli aiuti emergenziali non hanno funzionato a dovere. Dal Governo Draghi attesi interventi snelli a sostegno della competitività.

Confermato all’unanimità alla guida della Federazione nazionale vitivinicola di Confagricoltura Federico Castellucci. Sarà ancora affiancato da Christian Marchesini alla vicepresidenza. La rielezione è avvenuta all’unanimità nei giorni scorsi in una riunione in cui si è fatto il punto della situazione del comparto vitivinicolo dopo un anno di emergenza da Covid-19 e in relazione alle misure emergenziali proposte da Bruxelles e dal Governo nazionale.
«Il contesto – ha affermato Castellucci – è ancora assai difficile e la pandemia ha evidenziato la differenza fra le grandi imprese multicanale e aziende che forniscono vini essenzialmente a ristoranti ed enoteche». Alcune hanno giacenze molto alte - il Mipaaf parla di 61 milioni di ettolitri al 31 gennaio scorso, il 3,6% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno - per le difficoltà sui mercati dovuti al blocco del canale HoReCa, dove le aziende piccole e medie distribuiscono la maggior parte dei vini premium e super premium. Questo ha determinato uno spostamento di fatturato dalle piccole alle grandi imprese, con una diminuzione del valore del prodotto.
«Nella GDO – ha aggiunto il presidente della Federazione Vino di Confagricoltura - se in un primo tempo sono aumentate le vendite, pur con prezzi più bassi, ora, a causa delle diminuite capacità di spesa dei consumatori, si registra un rallentamento e le aspettative per i prossimi mesi non sono rosee». L’export, secondo Ismea, nei primi dieci mesi del 2020 è diminuito del 3,4% sullo stesso periodo del 2019, con una perdita di 5,11 miliardi di euro. Per quanto concerne i prezzi, invece, i listini segnalano una riduzione di oltre il 7,5%, con punte più alte su alcuni mercati di riferimento.
Gli interventi emergenziali messi in atto, ad avviso di Confagricoltura, andrebbero rimodulati per essere realmente efficaci: «per la distillazione, ad esempio, – ha detto Castellucci - il premio va aumentato per risultare appetibile: infatti, a fronte dei 50 milioni dedicati, ne sono stati usati soltanto 23». «Analogamente, - ha aggiunto -pochi hanno aderito alla riduzione delle rese dei vigneti, deliberata troppo tardi e senza un coinvolgimento coordinato della filiera: sono stati utilizzati soltanto 39 dei 100 milioni assegnati, senza contare che i contributi da parte di AGEA non sono ancora pervenuti ai viticoltori». E così pure lo stoccaggio ha presentato alcune criticità poiché ha finito per riguardare per lo più i vini rossi, essendo poco interessante per i vini giovani non da invecchiamento. La FNP auspica che nell’attivazione della misura per il 2021 si apra ai vini imbottigliati e con un premio più consono, così da avere un effetto più incisivo sugli equilibri di mercato.
«Il vino è uno dei settori che ha sofferto maggiormente per l’emergenza Covid – ha concluso Castellucci – Gli imprenditori vitivinicoli italiani non intendono tuttavia piangere su sé stessi ma, per aumentare la capacità di ripresa dell’economia, di cui il settore vino è parte determinante per l’agroalimentare, attendono dal Governo Draghi interventi snelli, in linea con l’auspicata semplificazione, ed efficaci, per non perdere quote di competitività rispetto ai Paesi nostri concorrenti».

Redazione